Home
Introduzione
Il canto del Buco buco
Video
Gli strumenti musicali della tradizione
Altri canti di fine anno
Links


Ascolta il canto del Buco buco



1
Gentilissimi miei signori
Noi a voi facciamo inchino
E con sincero di vero cuore
E come afflitti pellegrini
(ripete in coro gli ultimi due versi)

2
arapiteci sti porte
e se ce le volete aprire
nui simmo gente re crianza
na cos'č nient c'č gią abbastanza

3
Nui simmo poveri, poveri
E venimmo da Casoria,
da Casoria e da Messina,
nui simmo poveri pellegrini

4
abbiamo fatto un gran cammino
per paesi e per cittą
belle cose vi raccontiamo
se il permesso a noi ci date

5
A Beetlemme siamo stati
la capanna a visitare
e un giudeo di Gerusalemme
pił non si regge a camminare

6
visitato abbiam la grotta
dove č nato il divino Agnello
č nato al cuore della mezzanotte
tra il bue e l'asinello

7
San Silvestro era papa,
con l'aiuto del Signore
dalla lebbre liberava
a Costantino l'imperatore

8
Costantino l'Imperatore
era lebbroso di natura
per guarire dal suo malore
ora sentitene la cura

9
centoquarantaquattromila
di fanciulli gią pigliati
furono posti a fila a fila
e come agnelli immacolati

10
Se San Pietro non riparava,
questa grande crudeltą
questa strada lui pigliava
e sempre quella rimirava

11
vedi che fece questo gran Santo:
disse in sogno a Costantino
che San Silvestro solo ci aveva
una specifica divina

12
Costantino allora chiamava
il suo fedele capitano
e mentre il fatto gli raccontava
di partire gli comandava

13
e che avesse anche pigliato
un intero reggimento
col mantello gią menato
gli disse pure stai attento

14
San Silvestro che gią sapeva
Il capitano ora ha pregato
Che prima Messa lui diceva
E quindi poi si viaggiava

15
mentre Messa lui diceva
poche rape seminava
molte rape raccoglieva
per i soldati da dar a mangiare

16
i soldati tutti stupiti
che San Silvestro questo faceva
e per maggiore del loro stupore
furono cotte e gią mangiate

17
Costantino per il tuo gran male,
non il sangue degli innocenti
ci vuole l'acqua battesimale
e solo quella ti potrą salvare

18
dai la libertą
a quei poveri innocenti
quelle mamme disgraziate
come piangono tu non le senti'.

19
Zuchete zuchete (1) e violini
cu chitarre e mandolini
mamme e figli tutti riuniti
se ne andarono i meschini

20
o mio caro ze menechiello
e priesteme ru ciucciariello
e fa priesto e nun tardą
ca o buco - buco vo camminą

21
e che onore avimmo avuto
in questa casa simmo trasuti
e guardateci e tenitece a mente
ca nui simmo brava gente

22
Buco buco e Santu Sulviestro
mitt'a capa rint a ru tiesto
e ru tiesto e ru tiano
uttamm'abbascio ri barbacani

23
siamo stati in una bottega
baccalą senza moneta
e la bocca ancor ci fete
e ci arraggiamo dalla sete

24
nui tenimmo nu ciucciariello
e l'avimma scurtecane
e a carne a ramm'ai lupi
e la pelle a ru buco buco

25
a padrona 'e chesta casa
mo ce caccia na bbona spasa,
d'auciat'e susamiegli
e na ventina 'e carliniegli (2)

26
a padrona 'e chesta casa
mo' ce caccia 'na bbona spasa
d'auciare e mustacciuoli
e nu bichier 'e vino bbuono

27
e allonga e sdellonga
e pe' fino a Santa Lena
e che Dio te la guardi
questa bella tua mugliera!

28
e allonga e sdellonga
e pe' fino a Santo Vito
e che Dio te lo guardi
questo bello tuo marito!

29
e allonga e sdellonga
e pe' fino a Santu Janni
e che Dio te li guardi
ai vostri figli e a tutti quanti!

30
Buco buco e Santu Sulviestro
nui e vui facimmo festa
e augurandovi un buon anno
dicimmo a tutti grazie tante

31
e cantanno pč tutta Sessa
e cantanno la nostra sorte
siamo giunti alla fine dell'anno
e siamo salvi dalla morte!

32
oggi č calato l'anno vecchio
e domani e l'anno nuovo
e comma simmo arrivati avuanno
arriveremo acca e cientanni
(ripete tre volte gli ultimi due versi)


Finale

Oi Maronna,
che 'Mparadis staje
e libera chesta casa
da ogni pena e vuai
e oggi e San Silvestro
e nui facimmo festa
e fa festa e nu tardą
ru buco buco vo cammeną
ru buco buco vo cammeną
ru buco buco vo cammeną.
Uno,
due
tre,
quattro,
cinque,
sei,
sette,
otto,
nove,
dieci!

1) Zuchete Zu č voce onomatopeica dialettale che si riferisce ad un particolare suono di strumento musicale popolare, diffuso nell'Italia meridionale. Tipico di tamburo a frizione, di antichissima origine. Un bastone, fisso, č situato al centro di una struttura cilindrica, ricoperta di pelle. Il suono č prodotto dalla frizione o dalla vibrazione del bastone che a sua volta mette in vibrazione la pelle del tamburo. R~ Zuchete zu o pił comunemente conosciuto come Buco buco, insieme ad altri strumenti tipici, accompagna, in genere, i balli popolari.
2) Carlino : antica moneta napoletana.




Home
Introduzione
Il canto del Buco buco
Video
Gli strumenti musicali della tradizione
Altri canti di fine anno
Links
Privacy Policy  -  Cookie Policy powered by: AURUNCAnet